Asta “EUROPEAN SUPERSTARS Olympiad & As-Doves Special 2017!”

Tradizionalmente, il programma di eventi offre un’asta straordinaria ai visitatori di tutto il mondo. I migliori pugni europei sono arrivati ​​con due o quattro piccioni pronti per l’allevamento a Kassel. Questi erano figli o fratelli dei partecipanti alle Olimpiadi o dei colombi campioni di gare nazionali. Tra i nomi dei partecipanti spiccavano D., F., N. Schlechtriem, Roland u. Denis Faber, Hawthorn-Becker, Schlief-Stiens, Andreas Drapa, E.u. C. Börger, Kersting u. Sons, Dirk De Beer, Dieter Wöhr, Hartmut Will, SG Feldotto, Tino Bergemann, famiglia Herbots, Luc Van Mechelen, Koen van Roy, Fiandre Collection, Leo Heremans e Paul Huls.

Il banditore era Gerald Mack (Amazing Wings). È uno dei più famosi gestori di botteghini europei.

Come negli anni precedenti, si è occupato dell’organizzazione dell’asta Peter Kocks. Peter è stato un appassionato di piccioni per oltre 50 anni . Editore del portale Internet www.brieftauben-markt.de. Prima dell’asta, questa era stata annunciata e promossa tramite la rivista “TaubenMarkt / Die Sporttaube”, nonché tramite i portali Internet www.brieftauben-markt.de, www.taubenmarkt-kassel.de e www.herbots.com. Gli allevatori partecipanti, i piccioni e le realizzazioni sono stati presentati in modo editoriale. Inoltre, su ogni partecipante sono state mostrate mediante un collage fotografico le prime impressioni sui piccioni, tanto su Internet quanto durante l’asta.

I contatti nazionali e internazionali di Peter Kock hanno consentito di disporre del materiale migliore per i piccioni, come si può facilmente vedere dai nomi dei partecipanti. E così è successo. Se più di 3.000 compratori interessati si trovavano nella sala dell’asta nel 2016, quest’anno se ne prevedono almeno altri 1.000. Il piccione più costoso è stato acquistato per 3.600 €. Era un giovane piccione dell’ “Arthur” di SG Feldotto. Si è trasferito nella zona di Magdeburgo. Il ricavato medio proveniente dall’asta di tutti i piccioni è stato di 783 €. Le offerte per i piccioni tedeschi sono state interessanti, di gran lunga migliori lo sono state per il Belgio, a dimostrazione della fama di cui il piccione viaggiatore di origine tedesca gode tra gli appassionati di sport.